Il Blog delle Isole Canarie

Il Blog delle Isole Canarie
Visitalo subito

sabato 10 giugno 2017

Tensione in mare per i Clandestini, la marina libica caccia le Ong

Dalle parole, ai fatti. Dopo le polemiche, le accuse incrociate, le indagini di quattro procure italiane e le foto satellitari che immortalano le Ong stazionare al largo della Libia, ora la marina di Tripoli passa all'attacco.

E mette le organizzazioni governative di fronte alle loro responsabilità.
Ieri infatti la Guardia Costiera libica ha obbligato le imbarcazioni di Msf, Openarms, Jigendrettet e Sea Watch ad allontanarsi dal limite delle acque territoriali, accusando le Ong di aver ricevuto la segnalazione della partenza dei barconi prima che questi lasciassero la costa della città di Zuara. In un comunicato ufficiale, l'ammiraglio Ayob Amr Ghasem sostiene di essere a conoscenza di "chiamate wireless sono state rilevate, una mezz'ora prima dell'individuazione dei barconi, tra organizzazioni internazionali non-governative che sostenevano di voler salvare i migranti illegali in prossimità delle acque territoriali libiche. Sembrava che aspettassero i barconi per abbordarli. Le Guardie costiere hanno preso contatto con queste Ong e hanno domandato loro di lasciare le acque territoriali libiche".
Una mossa quasi senza precedenti, ad eccezione dell'episodio del maggio scorso, quando la marina libica aveva tagliato la strada ad una delle navi di Sea Watch, rischiando lo scontro in mare. "Il comportamento di queste Ong – ha aggiunto il portavoce- accresce il numero di barconi di migranti illegali e l'audacia dei trafficanti". I trafficanti, ha aggiunto,"sanno bene che la via verso l'Europa è agevole grazie a queste ong e alla loro presenza illegittima e sospetta in attesa di poveri esseri umani". Alla fine i militari di Tripoli sono riusciti a riportare indietro 570 persone. Poche. Ma è un inizio.

Si alza dunque di nuovo il polverone che da qualche mese copre di ombre l'operato delle organizzazioni umanitarie: i dubbi sui loro finanziamenti sospetti, il più delle volte non dichiarati e non trasparenti; l'ipotesi che dietro i propositi lodevoli si nasconda anche la volontà di far pressione sulle istituzioni europee per costringerle ad aprire canali legali di immigrazione; e poi ancora l'accusa del pm di Catania, Carmelo Zuccaro, che ha detto di avere le prove dell'esistenza di contatti tra membri delle Ong e scafisti. Infine i dati, che dimostrano come l'attività di salvataggio non solo abbia favorito gli affari dei trafficanti di uomini, ma di fatto ha aumentato il numero di morti in mare. Provocando quel cortocircuito in cui le onlus sembrano essersi ormai sostituite agli scafisti.