Il Blog delle Isole Canarie

Il Blog delle Isole Canarie
Visitalo subito

mercoledì 7 giugno 2017

Bimba muore soffocata in auto, dimenticata dalla mamma.

Pubblico questa news non per fare lo scoop, ma per far riflettere alcune donne o uomini che sono gia genitori, sono veramente dispiaciuto per l' accaduto, voglio che leggiate questa notizia, vi invito a stare prudenti e attenti, non è possibile che una anima innocente ci abbia lasciato in questo modo, solo perchè abbia avuto la sfortuna di avere una mamma cosi distratta. 
Leggi news Ansa:
CASTELFRANCO DI SOPRA (AREZZO) una bambina di un anno è morta per arresto cardiaco dopo essere rimasta alcune ore chiusa nell'auto della madre. E' accaduto a Castelfranco di Sopra (Arezzo) nel primo pomeriggio di oggi. La bimba sarebbe stata già in arresto cardiaco quando è stata trovata in piazza Vittorio Emanuele. Immediatamente soccorsa da alcuni passanti con il defibrillatore e successivamente dai sanitari del 118 che avevano anche attivato l'elisoccorso Pegaso la bimba non ce l'ha fatta ed è morta. Sarebbe stata 'dimenticata' dalla mamma la bambina di circa un anno morta in un'auto lasciata chiusa a Castelfranco di Sopra (Arezzo). E' quanto hanno ricostruito gli addetti del 118 anche in base alle testimonianze raccolte. La mamma, una dipendente del Comune di Castelfranco, sarebbe uscita stamani con a bordo la bimba e la precisa intenzione di lasciarla all'asilo ma, questa sempre una prima ricostruzione, si sarebbe invece diretta al lavoro. E' stata la mamma, che lavora al comune di Castelfranco di Sopra, all'uscita dal lavoro, dopo le 14, a trovare la piccola che ha 16 mesi, morta nell'auto su cui era stata lasciata. Lo raccontano alcuni abitanti della piazza dove era parcheggiata la Lancia Ypsilon. "Abbiamo udito un urlo straziante", dice chi abita sulla piazza e in quel momento era a pranzo a casa. "Nessuno prima si era accorto di niente e la bimba è rimasta nella vettura al sole per ore". L'auto era stata parcheggiata di fronte al Comune.
La piccola è rimasta in auto, con i finestrini chiusi, per tutta la mattina, dalle 8 circa fino alle 14 quando la madre è uscita dal lavoro. Il primo soccorso è stato dato alla bimba da chi era presente al ritrovamento, grazie al defibrillatore del comune. Poi, come raccontano alcuni testimoni, sono subito arrivati i soccorsi, ambulanza con il medico a bordo e l'elicottero Pegaso, ma purtroppo per la piccola non c'è stato niente da fare
(Ansa)