www.telesmunto.tv

domenica 31 gennaio 2016

VIDEO - La talpa umana: l’uomo che ha passato 32 anni a scavare un tunnel nel nulla

LA TALPA UMANA
Nel deserto di Mojave, in California, si trova uno strano tunnel che attraversa oltre 600 metri di rocce in una montagna nella zona di El Paso. La cosa strana è che il tunnel non va da nessuna parte: esce semplicemente in un pianalto sul fianco della montagna, in mezzo al nulla. L’unica ragione dell’esistenza del tunnel è perché un uomo di nome William Henry ‘Burro’ Schmidt ha voluto costruirlo.
Schmidt, soprannominato “La Talpa Umana” ha passato 32 anni a costruire il tunnel da solo, senza dare particolari motivazioni. Ha realizzato il tunnel completamente da solo, scavando e portando via le rocce a mano finché non ha anche installato delle rotaie per agevolare il lavoro. A chi gli chiedeva quale fosse lo scopo del tunnel, rispondeva semplicemente che si trattava di una scorciatoia, ma non ha mai spiegato per dove.
Sono molti i misteri attorno al tunnel, e inevitabili sono sorte le leggende, come quella che in realtà vi sia nascosto un accesso per un filone d’oro oppure che nasconda un tesoro. Altri pensano che potesse essere realmente una scorciatoia tra una miniera ed il mercato cittadino, resa completamente inutile da una nuova strada realizzata appena dopo che  Schmidt iniziò i lavori per il tunnel, e che per qualche motivo l’uomo abbia continuato lo scavo nonostante non fosse più necessario.
Certamente Schmidt era probabilmente ossessionato dal suo lavoro, e indubbiamente amava scavare (da questo punto di vista non è neppure l’unico). Molti dei suoi contemporanei, così come degli abitanti attuali della zona, pensano che fosse semplicemente pazzo. Era noto per essere uno che cercava di spendere il meno possibile, rattoppando i propri vestiti con toppe prese sacchi di farina, ma soprattutto sarebbe rimasto ferito diverse volte dagli esplosivi utilizzati per scavare il tunnel perché per risparmiare cercava di utilizzare una miccia più corta possibile.

La casa con più luci di Natale del mondo


L’australiano David Richards ha conquistato lo scorso anno ilGuinness dei Primati per la più grande immagine tridimensionale fatta di luci LED, grazie alle luci di Natale che ha usato per decorare la sua casa.
Il disegno, composto di ben 1.194.380 luci, rappresentava tre regali di Natale, accompagnati da sfondi e sfumature su una superficie di 3.865 metri quadri.

FONTE: http://notizie.delmondo.info/2015/12/15/la-casa-con-piu-luci-di-natale-del-mondo/

Non c’è spazio: scuola costruisce pista di atletica sul tetto


Non c’è spazio: scuola costruisce pista di atletica sul tetto
Il problema dello spazio si sta facendo sentire vivamente in molte città della Cina, cresciute a dismisura negli ultmi anni, ed oggi si sente la limitazione quando si inizia a rinnovare gli edifici.
E’ il caso di una scuola elementare nel distretto di Tiantai nella Provincia di Zhejiang, dove le autorità avrebbero voluto costruire anche degli spazi per permettere agli scolari di fare sport, ma non c’era sufficiente terreno edificabile disponibile. E così gli architetti hanno dovuto ricorrere ad una soluzione creativa: utilizzare il tetto per costuire una pista da atletica.
Gli ideatori riconoscono che l’idea ha dei limiti, ma sottolineano che sicuramente una pista sul tetto è meglio che nessuno spazio dove fare sport, o di soluzioni ancora più improvvisate. Nella realizzazione non si sono risparmiate le misure di sicurezza, per tranquillizzare i genitori che avrebbero potuto temere che qualche bambino troppo curioso rischiasse di cadere dal tetto, e così vi sono ben tre muri (il primo dei quali trasparente), alti fino a tre metri, a separare la pista dallo strapiombo.
Il progetto della pista è stato presentato anche alla Biennale di Architettura di Venezia nel 2014, ma quel che più conta è forse la soddisfazione dei molti scolari (la scuola ne ha oltre 1.800), felici di poter finalmente fare attività all’aria aperta.

Volontari trasformano autobus in docce mobili per i senzatetto

autobus in docce mobili 
La vita dei senzatetto è indubbiamente dura, e uno dei problemi che questi si trovano ad affrontare è l’igiene personale: le docce pubbliche sono molto rare nella maggior parte delle città. Per questo a San Francisco un’organizzazione no-profit sta convertendo autobus urbani fuori servizio in docce mobili.
San Francisco è considerata la “capitale dei senzatetto” negli USA, con oltre 6.500 persone senza fissa dimora che vivono in città, e si può quindi capire perché sia nata proprio qui l’idea a Doniece Sandoval.
Doniece stava passeggiando in strada quando ha sentito una senzatetto che parlava, tra le lacrime, lamentandosi che non sarebbe mai più stata pulita in vita sua. Poi, qualche tempo dopo, ha visto un senzatetto che conosceva di vista, un veterano del Vietnam, ed era in gran brutta forma. “Ho pensato che cose del genere non dovevano succedere. Sono esseri umani”, spiega la donna.
E così, Doniece ha abbandonato il suo lavoro come dirigente marketing ed ha fondato l’organizzazione no-profit Lava Mae, con la quale ha deciso di fornire un servizio di docce mobili gratuite per i bisognosi. Il suo progetto è iniziato con un autobus donato dalla città di San Francisco, ma dato il grande successo in breve altri autobus sono stati donati per essere convertiti.
Le docce su ruote non risolveranno certto il problema dei senzatetto, ma colmano un vuoto enorme nei servizi disponibili. Lava Mae cerca di aiutare coloro che non hanno accesso a quello che dovrebbe essere tra i diritti umani fondamentali, le docce e i servizi igienico-sanitari”, spiega Doniece.

Pensionato usa lo stesso sacchetto per la spesa da 34 anni


Sappiamo tutti che è consigliato usare lo stesso sacchetto per la spesa più volte, ma probabilmente anche i più attenti non si avvicinano neppure lontanamente a Martin McCaskie, che usa lo stesso sacchetto dal 1981.
McCaskie non aveva mai dato grossa importanza alla cosa, e quindi neppure la sua famiglia sapeva che avesse sempre usato l’identico sacchetto per fare la spesa. La cosa è venuta fuori per caso, quando qualche settimana fa era a fare la spesa con la figlia ed ha tirato fuori dalla tasca il sacchetto d’epoca, che peraltro commemorava i sessant’anni della catena Tesco. La donna ha fatto una foto al padre con il sacchetto e l’ha postata su Facebook e da lì la sua storia è diventata famosa.
Non mi ricordo neppure esattamente da che negozio l’ho preso, ma ha sempre funzionato bene”, ha raccontato l’uomo, “Il mio motto è sempre stato ‘non sprecare’. Il sacchetto è stato decisamente utile da quando quelli nuovi sono diventati a pagamento, ma anche prima di allora lo avevo sempre con me, perché non si sa mai quando puà servire. E non puoi infilare in tasca qualcosa di troppo pesante”.

I peli sul corpo? Proteggono dai parassiti

Si è molto discusso, in ambito scientifico, del perché gli esseri umani abbiano così pochi peli, in confronto agli altri primati: una delle spiegazioni più accreditate sarebbe che questo permetteva un migliore raffreddamento del corpo nella savana.
Ma ben poco è stato studiato il pelo rimasto: perché non è sparito del tutto? Un gruppo di ricercatori ha ipotizzato che i peli restanti servano a proteggere il corpo dai parassiti, e ha messo a punto un esperimento per verificarlo.
Ad un gruppo di volontari è stato depilato un braccio, lasciando invece l’altro “normale”, e poi sono stati rilasciati su entrambe le braccia delle cimici dei letti, uno dei parassiti più diffusi che attaccano l’uomo. I volontari dovevano indicare quanto di frequente sentivano la presenza di qualcosa sul braccio.
Il risultato è stato che la peluria sul braccio non solo rende più difficili i morsi del parassita, ma lo rendeva anche più facile da sentire: in parole semplici, quel che accade è che da un lato intralcia il passaggio del parassita e dall’altro “amplifica” il suo movimento (immaginate di camminare dentro ad un cespuglio: il vostro passaggio farà vibrare anche rami lontani da voi). I ricercatori sono convinti che sia proprio per queste ragioni che il pelo, pur sottile, si è conservato negli esseri umani.

Studio: alle donne “piace” essere trattate come oggetti? Dipende da chi lo fa

A prima vista la questione dovrebbe essere semplice: le donne moderne non vogliono essere “misurate” per il proprio aspetto fisico e non accettano di essere trattate come oggetti sessuali. In realtà, secondo uno studio condotto da rircercatori della Florida State University, la questione non sarebbe però così semplice.
I ricercatori sono partiti da una apparente contraddizione: se le donne non vogliono essere valutate per l’aspetto e per il sesso, perché la spesa in cosmetici e interventi estetici aumenta? E perché, secondo alcune statistiche, il tempo che le donne dedicano al proprio aspetto sarebbe aumentato negli anni? I ricercatori hanno ipotizzato che la cosa si spieghi con il fatto che le donne apprezzerebbero essere valutate per l’aspetto fisico da alcuni uomini e da altri no. Secondo i ricercatori, dal punto di vista evolutivo, la cosa poteva probabilmente essere all’impegno all’interno della relazione.
I ricercatori hanno infatti misurato quanto le donne considerassero accettabile essere considerate “oggetti sessuali” dai partner, partendo dal presupposto che una considerazione da parte di estranei e sconosciuti segua logiche diverse. Lo studio, che ha coinvolte oltre 200 coppie appena sposate, la valutazione come “oggetto sessuale” da parte dei mariti era correlata con la soddisfazione coniugale delle mogli che percepivano che i mariti erano altamente impegnati nella relazione, ma negativamente a quela delle mogli percepivano un impegno relativamente minore.
Secondo i ricercatori, il risultato più importante dello studio è che dimostrerebbe, una volta ancora, che i processi interpersonali non hanno implicazioni universalmente positive o negative: piuttosto, le implicazioni dipendono in larga misura dal contesto.

Video - JOHN BRZENK MATT MASK UAL 9



America del Nord Premier Arm Wrestling League fornendo atleti professionisti e dilettanti la piattaforma per competere contro la concorrenza di classe mondiale . Caratterizzato tra gli estratti al campionato elite ULTIMATE match up da tutto il mondo . The Ultimate Armwrestling League : dove il più grande di tutti i tempi ha tirato per la gloria !

I Segreti dell'Agricoltura Sinergica _ Intervista ad Antonio De Falco


In questo episodio di Creativi di Fatto, scopriamo i segreti dell'Agricoltura Sinergica insieme ad Antonio De Falco, Presidente della Libera Scuola di Agricoltura Sinergica "Emilia Hazelip".
Jai Guru Deva _ Il Network dei Creativi.

Agricoltura Moderna - La Necessità di un Cambiamento ITA/FRA



http://cambiarelecose.blogspot.it/

Cosa mettiamo nel nostro piatto e quindi nel nostro corpo?
Il legame tra agricoltura-cibo-salute (passando ovviamente per l'economia)

Documentario di Coline Serreau oltre il documentario "ecologista", mostra le recenti soluzioni a un'appropriazione della catena alimentare che è una minaccia incombente oltre che per la salute e il pianeta, anche per la libertà individuale e collettiva.

La regista s'incontra in tutto il mondo con persone che implementano le proprie soluzioni ai disordini ambientali.
Incontra: Vandana Shiva, Pierre Rabhi, Lydiae Claude Bourguignon, il Movimento Lavoratori Senzaterra, Kokopelli, M. Antoniets , Ana Pradeshi, Philippe Desbrosses, Joao Pedro Stedile, serge Latouche, Devinder Sharma, Laurent Marbot, ecc.

"Con questo film, mostro che ci sono in tutto il mondo, persone che, senza saperlo, fanno la stessa cosa, che hanno la stessa filosofia di vita e le usano le stesse pratiche con la Madre Terra. Evidenzia, l'universalità di soluzioni, così come la loro semplicità, questo è il vero scopo del film."
-Coline Serrau

La regista sottolinea l'analisi e la competenza, Soprattutto cerca di dimostrare, con esempi di coltivazioni alternative dal Brasile all'India, dalla Francia all'Ucraina, che le soluzioni alternative sono sostenibili e redditizie oltre che già state attuate.
In breve, che un'economia più equa è possibile e addirittura indispensabile, in relazione a salute e principi umanitari.
La sua dimostrazione pone in rilievo una condizione femminile che sfugge anche a tante attiviste femministe.
Dimostra che c'è un divario molto significante tra il popolo e i leader. Gli OGM sono l'esempio più eclatante.
Mette in guardia la popolazione mondiale, da un problema che ha ogni giorno nel piatto, ma che non si rende conto della enorme pericolosità che rappresenta nella sua globalità.

clemente snc macchine olearie video defogliazione e pulizia olive frantoio trombetta CARPINO (FG)


clemente snc macchine olearie video defogliazione e pulizia olive frantoio trombetta CARPINO (FG)

visita il sito internet: 

Zayn Malik bacia Gigi Hadid nel suo primo video da solista dopo l'addio agli One Direction: 'Ma siamo solo ottimi amici'

Zayn Malik bacia Gigi Hadid 

Zayn Malik, 23 anni, ha scelto Gigi Hadid come protagonista femminile del suo primo video da solista, "Pillowtalk". L'ex degli One Direction e la bionda modella appaiono piuttosto affiatati e si scambiano pure appassionati baci sulle labbra.






Zayn Malik bacia Gigi Hadid 


Continua a leggere: http://www.gossip.it/news/gigi-hadid-zayn-malik-video-news.html#ixzz3ypfjt7pB

Zayn Malik bacia Gigi Hadid nel suo primo video da solista dopo l'addio agli One Direction: 'Ma siamo solo ottimi amici'

Zayn Malik bacia Gigi Hadid 

Zayn Malik, 23 anni, ha scelto Gigi Hadid come protagonista femminile del suo primo video da solista, "Pillowtalk". L'ex degli One Direction e la bionda modella appaiono piuttosto affiatati e si scambiano pure appassionati baci sulle labbra.
Zayn Malik bacia Gigi Hadid 


Continua a leggere: http://www.gossip.it/news/gigi-hadid-zayn-malik-video-news.html#ixzz3ypfjt7pB

Ilaria D'Amico fa shopping con David Lee a Torino, poi a casa per festeggiare il compleanno di Gigi Buffon insieme al resto della family

Ilaria D'Amico
 Ilaria D'Amico ha regalato a Gigi Buffon un compleanno speciale, festeggiato a Torino. Il portiere della Juventus e della Nazionale il 28 gennaio ha compiuto 38 anni, la sua dolcissima compagna, che il 6 gennaio scorso gli ha donato il terzo figlio, Leopoldo Mattia, non poteva che stare con lui e fargli sentire tutto il suo amore.

Continua a leggere: http://www.gossip.it/news/ilaria-d-amico-compleanno-gigi-buffon-torino-news.html#ixzz3ypek0ywK

Gigi Buffon

Giacomo Urtis mostra il suo corpo scolpito e tutto muscoli dopo l'intervento subito un mese fa.


Giacomo Urtis

Giacomo Urtis sul suo profilo social mostra finalmente il suo corpo scolpito, tutto muscoli, dopo l'intervento subito un mese fa. Il medico estetico di moltissimi vip fa vedere i risultati, mandando online uno scatto in cui si vede 'prima', durante la riabilitazione e 'dopo'. Per lui pure una foto davanti allo specchio in posa da culturista. E' davvero impressionante: il suo fisico è magro e longilineo, senza un filo di grasso e con i muscoli perfettamente delineati.


Giacomo Urtis

Continua a leggere: http://www.gossip.it/news/giacomo-urtis-corpo-scolpito-dopo-intervento-news.html#ixzz3ypd9ZDGm

El Shaarawy, un Faraone sul trono di Roma


Un gesto faraonico. Un lampo in un cielo da settimane opaco e spento, che non regala più sogni. Quel gol ha risvegliato l'Olimpico, diventato un deserto nell'ultimo mese dell'era di Rudi Garcia. E' bastato un tacco di El Shaarawy, arrivato nella Capitale dal Milan, dopo sei mesi al Monaco, per far ritrovare alla Roma l'entusiasmo di un tempo. Probabilmente è troppo tardi per rincorrere lo scudetto:Napoli e Juventus viaggiano alla velocità della luce, irraggiungibili. Ma il treno Champions è ancora lì. Così nella notte del debutto, il Faraone ha fatto un tacito patto: i giallorossi nei primi tre posti e lui inNazionale, a Euro 2016. Si terranno in Francia, proprio nel paese nel quale è stato bocciato troppo presto. Nel Principato lo hanno scaricato in malo modo, a una presenza dal riscatto obbligatorio. 

continua  a leggere: http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/roma/el-shaarawy-un-faraone-sul-trono-di-roma_1088627-201602a.shtml

Liga: Rossi segna, ma il Levante perde 3-1


Alla sua prima presenza da titolare, la seconda da quando è tornato in Spagna, Giuseppe Rossi è andato a segno. Lo ha fatto nella sconfitta del suo Levante per 3-1 sul campo del Siviglia. 


continua a leggerre: http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/calcioestero/liga-rossi-segna-ma-il-levante-perde-3-1_1088672-201602a.shtml

Serie A, dodicesima vittoria di fila per la Juventus: poker al Chievo

La Juventus è inarrestabile, contro il Chievo arriva la dodicesima vittoria di fila in campionato: doppietta di Morata e reti di Alex Sandro (che colpisce pure una traversa) e Pogba nel 4-0 di Verona. Grande partita dei bianconeri davanti a un Chievo arrendevole, Allegri si gode il definitivo rientro di Morata (in gol al 6' e al 40'), Pogba ed Alex Sandro ad alti livelli e l'ennesima grande prestazione diDybala.

continua a leggere: http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/chievo/serie-a-dodicesima-vittoria-di-fila-per-la-juventus-poker-al-chievo_1088653-201602a.shtml

Doumbia, visite mediche col Newcastle

A un anno dal suo arrivo a Trigoria, la Roma si prepara a salutare Seydou Doumbia. L'attaccante ivoriano ha accettato l'offerta del Newcastle e sta sostenendo le visite mediche di rito prima di sbarcare in Premier. La punta, che in giallorosso ha segnato solo 2 gol in 13 presenze, andrà ai Magpies in prestito con diritto di riscatto. La cessione diDoumbia, a Roma dà il via libera per l'assalto definitivo a Perotti

continua a leggere: http://www.sportmediaset.mediaset.it/mercato/roma/doumbia-visite-mediche-col-newcastle_1088668-201602a.shtml

Cosa mangeremo nel futuro: carne rossa sintetica e pollo artificiale

Doveroso limitare il consumo di carne sulle nostre tavole, come pure l’eccesso di zuccheri, di sale e ogni altro eccesso per aiutare il nostro corpo a stare in buona salute. Assolutamente contrario -salvo eventuali rari casi particolari- ad ogni manipolazione genetica e/o utilizzo di tecniche che stravolgano i ritmi naturali, come pure l’utilizzo incontrollato di medicinali, anticrittogamici e prodotti sintetici/chimici che non siano testati e non possano dare le garanzie dovute alla nostra salute e all’ambiente che ci circonda. 

Iscriviti mio canale / Mira el mi canal / look the my channel TELESMUNTO